Ricerca alloggio

RICERCA RAPIDA


Richiesta preventivi / info

Desidero ricevere informazioni
per un eventuale soggiorno in


Arrivo
Partenza
N° adulti 
N° bambini
Email
Nominativo
Altro / note / età bambini
Ricopiare il codice scritto sotto
Codice di verifica: 2743
I dati saranno inoltrati alle strutture che risponderanno alle vostre richieste
CONSENSO
NECESSARIO PER POTER
EVADERE LA RICHIESTA

al trattamento dei miei dati

Sondaggio

Hai già fatto una vacanza in Val di Fassa?




Pensi di trascorrerre un soggiorno in Val di Fassa?





Invia opinione  Vedi risultati

Escursioni in Val di Fassa

DELBA (Alba) - Ciampac - Pas de Sèn Nicolò (Passo San Nicolò) - RIFUGIO CONTRIN


Da Dèlba si sale al Ciampac (m 2.152) in funivia. Si percorre la conca di Ciampac, dove si trovano alcuni rifugi, contornando la parete ovest del Colac. Ci si alza gradualmente in quota fino ad incontrare il sentiero n. 613 proveniente da Sela Brunech e risalendo infine con ripida serpentina alla Forcia Neigra (m 2.509) alla base sud del Colac (ore 1.30). Si continua sul sentiero n. 613 che pianeggiante percorre il versante nord del Sas Neigher per superare un ultimo tratto dirupato con l’ausilio di un cordino metallico ed uscire sulla selletta fra la Torre Dantone ed il Sas Neigher stesso. Se ne costeggia la nera mole scendendo attraverso i pascoli di Ciamp de Mez verso il crinale che divide la Val de Sèn Nicolò dalla Val de Contrin. Lo si segue verso est risalendo il costone del Varos (m 2.460) passando in prossimità di grotte e gallerie di guerra. Lo si valica in vista del rifugio e del Pas de Sèn Nicolò (m 2.338) che si raggiungono in una decina di minuti (ore 1.30; 3.00). Quindi si attraversa il pianoro alle spalle del rifugio. In ambiente grandioso, di fronte giganteggiano il versante Sud del Gran Vernel e la parete sud della Marmolada, si scende piacevolmente per i Pré de la Vaces, si attraversa un ruscello e portandosi a ridosso del risalto roccioso dei Lasté de Contrin lo si costeggia entrando in un rado bosco di conifere. Si giunge così nella buja de Contrin dove si passa il rio omonimo risalendo poi in una manciata di minuti al dosso che ospita il rifugio a m 2.016 (ore 1.00; 4.00). Si rientra a Dèlba (m 1.517) attraverso l’ampia e pianeggiante Val de Contrin, modellata dal ghiaccio, e le ripide serpentine finali (ore 1.00; 5.00).

print
rating

Manifestazioni