Ricerca alloggio

RICERCA RAPIDA


Richiesta preventivi / info

Desidero ricevere informazioni
per un eventuale soggiorno in


Arrivo
Partenza
N° adulti 
N° bambini
Email
Nominativo
Altro / note / età bambini
I dati saranno inoltrati alle strutture che risponderanno alle vostre richieste
CONSENSO
NECESSARIO PER POTER
EVADERE LA RICHIESTA

al trattamento dei miei dati

Sondaggio

Hai già fatto una vacanza in Val di Fassa?




Pensi di trascorrerre un soggiorno in Val di Fassa?





Invia opinione  Vedi risultati

Escursioni in Val di Fassa

PENIA - LORENZ - VERA - INSOM


Si parte dalla piazzetta centrale di Penia per salire a destra della fontana sul Troi de Lorenz e uscire sui prati alle spalle dell’abitato. Si prosegue sulla strada selciata nei punti di maggiore pendenza che taglia il ripido pendio per raggiungere dapprima l’abitato di Lorenz con la sua chiesetta e quindi, un poco più a monte, quello di Vera. Si passa a destra della chiesetta dedicata alla Madonna de l’Aiut continuando su sentiero erboso e pianeggiante con una magnifica vista sull’imponente parete nord del Gran Vernel. Sulla sinistra, in alto, a qualche decina di metri dalla stradina, i ruderi di Insom testimoniano l’esistenza di un terzo nucleo abitativo. Si va sul piano attraverso i prati per poi portarsi con leggera discesa al Ruf de Mereac, al di là del quale si va a destra per la comoda strada di ghiaia bianca che in leggera pendenza si inoltra nel bosco. Si attraversa la radura prativa di Udàer scendendo verso la sottostante strada provinciale. La si segue verso destra per circa 150 metri sino al guardrail del ponte sul torrente Avisio. Si passa esternamente ad esso su ben evidente sentiero di fine ghiaia bianca. Entrati nel bosco lo si attraversa con percorso sinuoso dapprima pianeggiante, poi in leggera discesa. Allorché la discesa si accentua, tenendosi sempre sul tracciato principale si raggiunge la strada asfaltata. Si guadagna l’antistante piazzola, si sale ad attraversare il ponte seguendo la strada provinciale ancora per una trentina di metri. Si entra a destra nel bosco su ben visibile sentiero che si snoda piacevole alla base dell’imponente parete nord del Gran Vernel e ben fornito di tavoli e panchine nelle piccole radure che via via si incontrano. Si trova una prima passerella che porta verso l’antica segheria veneziana (una delle sezioni sul territorio del Museo etnografico ladino), si prosegue fino alla successiva che ci porta nella parte bassa di Penìa passando fra l’albergo Sonia a destra ed una bella casa rurale con fienile a sinistra. Km 5 - ore 3,00

print
rating

Manifestazioni